VEGAN FRIDAY: VANILJBULLAR VERSIONE VEGAN


Un venerdì vegano afoso e pesante questo, almeno qui in pianura padana.
Personalmente spero solo che arrivi un bel temporale rinfrescante ma pare che invece non sarà così.
Uno dei (tanti) problemi di afa e caldo è che la voglia di cucinare e di mangiare sono davvero ai minimi termini.
In particolare per me è difficile fare colazione, fosse per me mi limiterei ad una tazza di caffè ma anche in estate la colazione è importante. Certo, si può risolvere il problema con yogurt e frutta ma.nel mio caso, stancano subito.
Mi è allora venuta l'idea di rispolverare una ricetta che mi era piaciuta tantissimo e provare a proporla in versione vegan, sicuramente più leggera.
L'idea era quella di alleggerire ingredienti e calorie lasciando inalterati gusto e sofficità e credo di esserci riuscita...

INGREDIENTI
250 millilitri di latte di soia (più quello per spennellare)
50 grammi di olio di riso
poco più della metà di un cubetto di lievito di birra fresco
40 grammi di zucchero
un cucchiaio di sciroppo d'acero
mezzo cucchiaino di sale
450 grammi di farina manitoba
un cucchiaino di estratto di vaniglia

Per la farcia
120 grammi di margarina vegetale
120 grammi di zucchero a velo vanigliato
granella di zucchero per decorare 


Intiepidire il latte di soia e sbriciolarvi all'interno il lievito di birra. 
Aggiungere lo sciroppo d'acero e l'estratto di vaniglia e mescolare. 
In una ciotola capiente mescolare la farina con lo zucchero.
Unire piano il composto liquido, cominciando a impastare.
Lavorare bene prima nella ciotola poi, una volta che l'impasto ha preso consistenza, trasferirlo sul piano di lavoro e lavorarlo fino a formare una "palla" liscia ed elastica.
Mettere l'impasto in una ciotola unta, coprire con la pellicola e lasciare lievitare per circa un'ora e mezza.
Trascorso questo tempo riprendere l'impasto e lavorarlo brevemente per sgonfiarlo.
Stenderlo in un rettangolo spesso un centimetro.
Spalmarlo con la margarina morbida e cospargere bene con lo zucchero a velo vanigliato.
Arrotolare l'impasto su sè stesso e tagliare le vaniljbullar.
Disporle in una teglia rivestita di carta da forno tenendole distanziate e lasciarle lievitare ancora per mezz'ora.
Preriscaldare il forno a 190 gradi.
Spennellare le brioche con il latte di soia e cospargere con la granella di zucchero.
Cuocere per circa 12-15 minuti finchè non risultano ben gonfie e dorate, non devono scurire troppo.
Si conservano benissimo in freezer in sacchetti per alimenti e tornano perfette scaldate nel microonde o in forno non troppo caldo.

********

IL MENU' VEGAN DI OGGI


Colazione:
♥ cappuccino tiepido con latte di mandorla
♥ vaniljbullar in versione vegan (ricetta qui sopra)




Pranzo:
♥ Insalata di ceci, zucchine e cipollotti (ricetta qui) con pane tostato
♥ macedonia di frutta fresca



Cena:
♥ Linguine integrali con zucchine, menta e olio alle erbe (ricetta qui)
♥ pomodori scottati al forno con olio, timo e aglio


PANNKAKOR PER NORDLYS LUGLIO-AGOSTO 2016


Continua l'estate e continua luglio che è (finalmente) arrivato a metà.
E continua il mio tentativo di farmi piacere l'estate, anche se non sempre ci riesco.
Ci sto provando, sto attenendomi a quanto avevo scritto qui ma... l'estate non sarà mai la mia stagione preferita.
Non riesco a non sognare mattine fresche e morbidi plaid, pioggia leggera e foglie colorate.
Sono una creatura dell'autunno e dell'inverno e credo che lo sarò per sempre.

Forse l'unico momento della giornata in cui sto davvero bene è la mattina presto, quando l'aria diventa un po' più respirabile e sento tornare le energie e la voglia di fare.
E' il momento in cui ho voglia di cucinare e la colazione è diventata il mio pasto preferito.




Oggi voglio raccontarvi di questi "pannkakor" che altro non sono che la versione nordica dei classici pancakes americani.
Io li ho realizzati e fotografati per il numero di Luglio-Agosto di Nordlys ma li ho poi fatti e rifatti molte volte per le nostre colazioni estive.
Con i frutti di bosco sono meravigliosi ma rendono benissimo anche solo con la Nutella!




Trovate dosi, ingredienti e ricetta (che è davvero semplicissima) seguendo il link qui sotto...




VEGAN FRIDAY: ZAALOUK



Finalmente venerdì e finalmente vegan friday!
Quando ho visto questa ricetta sull'ultimo numero della rivista Sale & Pepe ho pensato che fosse perfetta da proporre in questa rubrica: colorata, speziata, appetitosa, estiva e, naturalmente, vegan.
Noi l'abbiamo mangiata a temperatura ambiente, semplicemente con del pane arabo appena scaldato ma il giorno dopo, fredda, era ancora più buona.
Il mio consiglio è quindi di prepararla prima per dare modo ai sapori di amalgamarsi bene.






INGREDIENTI
3 grosse melanzane
250 grammi di pomodori da sugo ben maturi
3 spicchi d'aglio
una manciata di olive nere denocciolate
prezzemolo
coriandolo
mezzo cucchiaino di cumino in polvere
mezzo cucchiaino di paprika dolce
mezzo cucchiaino di pepe nero
mezzo limone
olio extravergine
sale

Ho cotto le melanzane nel forno già caldo a 180 gradi per circa 40 minuti lasciandole intere.
Le ho lasciate intiepidire, ho eliminato la buccia e ho raccolto la polpa in una padella con poco olio, schiacciandola grossolanamente con una forchetta.
Ho unito i pomodori tagliati a cubetti, l'aglio schiacciato con lo spremiaglio, il cumino, il pepe, la paprika e il prezzemolo e il coriandolo tritati.
Ho condito con il succo di mezzo limone e ho regolato di sale.
Ho lasciato cuocere a fuoco medio per circa mezz'ora, mescolando spesso.
A fine cottura ho unito le olive e ho cosparso con altro prezzemolo.
Questa insalata, che non manca mai nei buffet in stile arabo, è buona sia a temperatura ambiente che fredda.



IL MENU' VEGAN DI OGGI


Colazione:
♥ caffè freddo
♥ brioches vegane (ricetta qui)




Pranzo:
spaghetti con olio, aglio e peperoncino
♥ Insalata di patate con rafano e aneto (ricetta qui)



Cena:
♥ Zaalouk con pane arabo (ricetta qui sopra)




LA TAVOLA D'ESTATE SU NORDLYS


Come immaginate la vostra tavola estiva?
Io fresca, allegra e luminosa...
Ve lo racconto sul numero di Luglio - Agosto di Nordlys, tutto da sfogliare!

Vi aspetto di là...


CROSTATA MORBIDA CON CILIEGIE E CREMA FRANGIPANE PER #SEGUILESTAGIONILUGLIO


Aria ferma, luce forte, pomeriggi assolati e il canto delle cicale.
Ammetto di non amare luglio.
Ammetto di desiderare aria fresca e luce morbida.
Ma, come diceva qualcuno, bisogna trovare qualcosa di bello ance in quello che non ci piace.
E io ho trovato le ciliegie e una torta morbida da preparare a piedi nudi in una cucina in penombra.

Ho trovato la bellezza di sorseggiare un caffè ghiacciato che profuma di paesi lontani (presto condividerò la ricetta con voi), ho trovato il piacere di leggere alcuni gialli ambientati nel profondo nord per calarmi nelle atmosfere che vorrei.

Ho trovato il piacere di passeggiare nelle vie della mia Verona affollate di turisti, sentendomi un po' in vacanza anch'io.
Ho mangiato piadine e bevuto vino bianco freddissimo.
Ho respirato l'aria fresca durante un temporale.

Benvenuto Luglio (nonostante tutto) ♥


INGREDIENTI

(per la frolla)
150 grammi di farina per dolci addizionata con lievito
50 grammi di farina di mandorle
120 grammi di burro
50 grammi di zucchero
1 uovo
scorza di limone grattugiata
un pizzico di sale

(per la crema frangipane)
110 grammi di farina di mandorle
90 grammi di burro morbido
90 grammi di zucchero
2 uova
200 grammi di ciliegie già private del nocciolo e tagliate a metà

(per la composta di ciliegie alla vaniglia)
250 grammi di ciliegie private del nocciolo e divise a metà
70 grammi di zucchero di canna
scorza di limone grattugiata


Ho preparato la frolla riunendo nel robot da cucina la farina per dolci, la farina di mandorle, lo zucchero, il sale e il burro freddo a pezzetti.
Ho frullato fino ad ottenere un composto in briciole poi ho aggiunto l'uovo e ho frullato fino ad ottenere una "palla" che ho messo a riposare in frigorifero per mezz'ora.

Ho preparato la crema montando il burro con lo zucchero, ho poi unito la farina di mandorle e le uova.

Ho foderato una tortiera da crostata con la frolla, ho riempito con la crema e poi ho distribuito le ciliegie facendole affondare appena un po'.

Ho cotto la torta per 40 minuti a 180 gradi (forno preriscaldato).

Ho servito la torta con una composta di ciliegie e vaniglia preparata mettendo in un pentolino dal fondo spesso le ciliegie, lo zucchero, la scorza di limone e la vaniglia e cuocendo a fuoco basso per una ventina di minuti.




Questa ricetta è il mio contributo per #seguilestagioni di Luglio.
Partecipano con me: 

♥ PENSIERI E PASTICCI - Simona
♥ SENTO I POLLICI CHE PRUDONO - Adrialisa
♥ LISMARYS' COTTAGE - Lisa
♥ COCCOLATIME - Enrica
♥ COSCINA DI POLLO - Susy
♥ ALISE HOME SHABBY CHIC - Alisa
♥ LA MIA CASA NEL VENTO - Maria
♥ BEATITUDINI CULINARIE - Beatrice
♥ DUE AMICHE IN CUCINA -Miria
 ♥ LA FATA IGNORANTE Silvia
♥ LA GALLINA ROSITA - Lucia

Questa è la nostra lista della spesa:


Siamo su facebook con la nostra pagina
#seguilestagioni


e su Pinterest e Instagram seguendo #seguilestagioni



NORDLYS 3: IL NUMERO DI LUGLIO-AGOSTO ♥



E siamo online con il terzo numero di Nordlys!

Si dice che "3" sia il numero perfetto per eccellenza e, per me, questo terzo numero di Nordlys Magazine è davvero perfetto.
Ogni pagina, ogni parola, ogni fotografia rispecchia il lavoro e l'impegno di un gruppo di donne che, fra mille difficoltà, sta portando avanti un sogno.
Un numero, questo terzo, che ha reso visibili i nostri pensieri e i nostri desideri grazie alla splendida grafica di Antonella, la new entry della nostra redazione.
Io posso solo dire che il nostro gruppo è forte perchè collaboriamo, perchè siamo "tutte per una e una per tutte"... anche quando discutiamo, anche quando la pensiamo diversamente. Sempre.
E, questa volta, mi sento proprio di dirlo forte:
SIAMO BRAVISSIME!
Grazie Francesca, Ida, Flavia, Antonella ♥

SUMMER HOLIDAYS...



Nella mia nuova concezione dell'estate, assolutamente hygge, c'è anche la voglia di prendermi momenti lontana dal web.
Mai come in questo momento sento forte il bisogno di fermarmi e ricaricarmi.
Per una decina di giorni sarò lontana dal blog e dai social e impegnerò le mie giornate con colazioni lente, letture interessanti e coccole.

Credo che questo non sarà l'unico stacco di questa estate che voglio provare a vivere con uno spirito tutto diverso dalle precedenti.
Chissà che non finisca per piacermi...

A presto ♥